Partecipa a Termoli Notizie

Sei già registrato? Accedi

Password dimenticata? Recuperala

Viabilità, Sabella: “Finalmente sarà riaperta la strada di scorrimento che collega il lungomare nord alla rotatoria della Torretta Saracena”.

Nota dell’Amministrazione comunale di Termoli

Condividi su:
Termoli, 20 marzo 2012 – Cominceranno domani i lavori di sistemazione riguardanti il tratto di strada di scorrimento che collega la viabilità del lungomare nord alla rotatoria della Torretta Saracena. Nei prossimi tre giorni, infatti, saranno portati a termine gli ultimi lavori riguardanti la pulizia delle caditoie, la sistemazione della scarpata a lato della ferrovia, la nuova sistemazione con i relativi ingressi e l’apposizione della segnaletica verticale e orizzontale. A tal motivo, nella mattinata odierna è stata emanata l’ordinanza n. 58 con la quale verrà interdetta temporaneamente la circolazione stradale ivi presente, a partire dalle ore 7.00 di domani 21 marzo fino a venerdì 23 marzo, con orario h24, garantendo comunque la viabilità che conduce verso i distributori di carburanti. “Finalmente sarà riaperta la strada di scorrimento ubicata sulla ex Statale 16, posta tra l'area di sosta e il terrapieno della ferrovia – questo il primo commento dell’assessore ai Lavori Pubblici, Vincenzo Sabella - l’amministrazione Di Brino aveva già provveduto nel 2011 alla sistemazione sia delle pratiche amministrative lasciate pendenti dalla passata amministrazione che della strada in questione, in modo da poter garantire alla cittadinanza una migliore fruibilità dell’area soprattutto durante la stagione estiva, visto che la stessa costeggia il parcheggio del Lungomare Nord ed è una delle arterie cittadine con maggior affluenza di traffico. Con la sistemazione del nuovo tratto stradale andremo a regolamentare, ma soprattutto a semplificare, una viabilità penalizzata da troppo tempo. Finalmente i termolesi, ma anche tutti coloro che provengono dalla ex Statale 16, lato nord, potranno effettuare un percorso più comodo e lineare rispetto a quello attuale”.
Condividi su:

Seguici su Facebook