Una breve riflessione sulla presentazione della lista PDL a Belmonte del Sannio

Intervento di Albino Iacovone

| di Albino Iacovone
| Categoria: Attualità
STAMPA
Abbiamo assistito sulla Piazza principale di Belmonte del Sannio alla presentazione della lista provinciale del PDL per le elezioni regionali del 16 e 17 ottobre p.v. E’ stata una ennesima manifestazione di circostanza ove ha fatto da padrone l’ ipocrisia, le solite e ripetitive promesse e litanie tant’ è che a fine esibizione, il Sindaco pidiellino Borrelli offre in omaggio al candidato Presidente Iorio ,forse per le tante grazie ricevute, una Statuetta di Sant’ Anacleto, Patrono della laboriosa , civile e arguta cittadina - non so spiegare diversamente una iniziativa, credo,inusuale per una manifestazione politica e di propaganda elettorale -). Abbiamo appreso, ancora una volta che l’ Altissimo Molise è uscito dall’ isolamento con la costruzione del 2° lotto della F. V. Verrino ( beati loro!), che l’ Ospedale di Agnone non è stato ancora chiuso, che tanto si è fatto per le aree interne e che al primo posto nel loro programma ci sarà la salvezza sociale ed economica di questi piccoli centri e che per fare tutto questo, gli elettori di Belmonte, Agnone, Capracotta, Poggio Sannita, Castelverrino etc. dovrebbero dare ancora loro fiducia in quanto gli altri competitor sono solo “ avventurieri” e “ quattro amici al bar” che dicono solo “ menzogne” e propagano “ inganni”. Allora io osservo: 1.Da quale pulpito viene la predica ? 2.Ci rendiamo conto che la F. V. Verrino è iniziata negli anni ’70 con l’intento di collegarsi alla Val di Sangro e che dopo oltre 40 anni sono stati realizzati solo circa 15 Km. e ancora senza svincoli decenti per Agnone, Poggio Sannita e Castelverrino, territori che confinano con l’arteria realizzata? 3. Se Lor signori vogliono essere ora credibili ai cittadini dell’ Altissimo Molise perché i famigerati fondi FAS e/o altre risorse non sono stati impegnati per il completamento della F.V. Verrino sia verso la Val di Sangro che verso il Capoluogo di Regione Campobasso con la realizzazione della F. V. Vella ( altra promessa mai mantenuta)? 4.Come è pensabile che Lor Signori continuano a promettere sviluppo e lavoro per l’ Alto Molise se da decenni gli stessi “artefici” del depauperamento di queste zone non hanno fatto altro che condurre una azione di finanziamenti e di interventi “ a pioggia” senza una qualsivoglia linea strategica a salvaguardia dei territori, delle loro potenzialità e specificità che potesse almeno arrestare questo fenomeno di desertificazione e di abbandono ? 5.Ci rendiamo conto che solo qualche anno fa, al cinema-teatro Argentino di Agnone, lo stesso Presidente Iorio e l’ allora Assessore Di Giacomo, assicurarono la disponibilità del finanziamento per il completamento del nuovo Ospedale in località Civitelle ,che da oltre un ventennio ( quello che resta del manufatto), è lì a gridare vendetta? 6.Ci rendiamo conto, tanto per restare sulla viabilità, che da oltre venti anni sono ancora li, a gridare vendetta, i pilastri di cemento armato che in località San Lorenzo dovevano essere utilizzati per la variante per Belmonte del Sannio ? 7.Ci rendiamo conto che le strade provinciali Agnone - Belmonte del Sannio, Agnone – Castelverrino, Poggio Sannita- Sprondasino, Castelverrino- Pietrabbondante e tra lascio quelle dell’ altro versante, sono ridotte proprio male? 8.Ci rendiamo conto che, causa il grave dissesto finanziario nella gestione della sanità (o anche questo è da addebitare a chi oggi legittimamente vuole porsi all’attenzione dei molisani, come nuova classe politica, dimenticandosi chi ha sempre gestito nel bene e nel male la sanità in questa regione sono stati Iorio, Di Giacomo e Vitagliano?) i molisani ( pensionati , pubblici dipendenti, aziende, professionisti etc) sono i più tartassati d’ Italia per l ‘ aumento dell’ addizionale regionale IRPEF, dell’IRAP e per non parlare delle accise sulla benzina, il bollo auto, ticket sanitari, etc.? 9.Ci rendiamo conto che la disoccupazione, soprattutto quella giovanile (diplomati e laureati in primis) è una delle più alta d’Italia ? 10.Ci rendiamo conto quante aziende , soprattutto nel nucleo industriale Pozzilli - Venafro e alla Ittierre di Pettoranello, hanno chiuso o sono in grosse difficoltà ( da anni e quindi non veniamo a dire – come paravento- che la colpa è della crisi in atto!) aumentando la schiera dei disoccupati e il grave disagio per gli operai e loro famiglie?. Oggi, invece, Lor signori hanno ancora l ‘ardire e il coraggio di venirci a dire che la priorità del loro governo regionale è diretta verso i disoccupati, le aziende, i pensionati e di tutti coloro i quali si trovano in difficoltà!. Parafrasando un celebre attore dico :”” ma, mi facciano il piacere…..”. Per ora può bastare, non so chi sono “ gli avventurieri” come definiti in quel di Belmonte del Sannio, so solo che i cittadini, i giovani, i pensionati, i disoccupati di questa regione, tutti quelli che vogliono legalità, trasparenza e rispetto delle regole , sapranno sicuramente individuare quali sono i veri “ avventurieri”, nocivi a questa Regione, mandarli a casa oppure non eleggerli.

Albino Iacovone

Contatti

redazione@termolinotizie.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK