Zuccherificio: l'ex governatore Michele Iorio rinviato a giudizio

La Procura di Campobasso contesta l'abuso d'ufficio. Processo anche per altri tre

| di Redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

L'ex governatore del Molise, Michele Iorio, e l'ex assessore regionale, Gianfranco Vitagliano, sono stati rinviati a giudizio nel primo pomeriggio di oggi al termine dell'udienza preliminare per la vicenda della cessione delle quote dello Zuccherificio del Molise.

Per i due esponenti politici, entrambi presenti in aula, il reato contestato è l'abuso d'ufficio. La prima udienza del processo, con giudizio collegiale, è stata fissata al prossimo 13 aprile. Secondo l'accusa, i due imputati non avrebbero esercitato il diritto di prelazione della Regione nella cessione delle quote tra due imprenditori, causando dunque un vantaggio alla società di fatto riconducibile a uno di loro.

Rinviate a giudizio anche altre tre persone coinvolte nella vicenda con le accuse di truffa e falso, che dovranno comparire davanti al giudice monocratico il 29 marzo. 

"Nel mio intervento, durato oltre un'ora, ho spiegato punto per punto perché non esistono gli elementi dell'abuso d'ufficio nelle condotte poste in essere da Iorio e Vitagliano". Così l'avvocato Arturo Messere, difensore dell'ex governatore. "A mio giudizio - aggiunge - il vaglio dibattimentale, trattandosi di questioni di diritto, non era necessario. Il giudice ha ritenuto diversamente. In quella sede dimostrerò al tribunale che il reato contestato non sussiste, sono pienamente convinto che la tesi che andrò a sostenere sia quella corretta e giusta. Quindi sono tranquillo e sereno".

Redazione

Contatti

redazione@termolinotizie.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK