Il giornalista Loris Mazzetti ha presentato il testo Tav

Il Treno sull'Alta velocità e l'attualità al centro della discussione

| di Emanuele Di Nardo
| Categoria: Attualità
STAMPA

Giovedì 24 Gennaio, nell'enoteca "Lo Spirito Divino", si è svolta la presentazione del testo "TAV" del giornalista della Rai Loris Mazzetti.

L'evento è stato organizzato da Lucia Urbano ed ha visto nella veste di intervistatore di Mazzetti, Sandro D'Onofrio.

Il giornalista, storico collaboratore di Enzo Biagi e ideatore di trasmissioni televisive molto note, ha introdotto il suo discorso, affermando che "c'è molta ignoranza intorno al tema del TAV da parte dei cittadini e soprattutto dei politici".

La questione del TAV riguarda il treno che dovrebbe essere realizzato per coprire la tratta ferroviaria Torino-Lione, per 3/4 in Italia e per 1/4 in Francia.

In un contesto come quello attuale, nel quale vanno di moda le dieci domande, Mazzetti ha cercato di snodare la tematica nel testo, dando dieci risposte.

Il giornalista ha analizzato in maniera puntigliosa e dettagliata l'opera, dando spazio alle voci favorevoli e contrarie sul TAV, arrivando alla conclusione che "bisogna approfondire molto di più prima di prendere questa decisione".

Mazzetti ha parlato del rapporto molto pericoloso delle mafie con questa opera e ha dichiarato che mentre in "Francia ci si confronta con i cittadini, in Italia vi è un uomo solo al comando".

L'autore di TAV ha risposto anche a delle domande poste dal pubblico e ha affrontato la situazione economica, politica e sociale, affermando che "allo stato attuale, Giannino, Ingroia e il Movimento 5 Stelle sono gli unici che hanno inserito nel loro programma determinate tematiche".

 

Emanuele Di Nardo

Contatti

redazione@termolinotizie.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK