I TAVITTE

modi di dire termolesi

| di Marianna Naclerio
| Categoria: Storia
STAMPA
'A Madonne u sä chi té i recchijne. ( La Madonna lo sa chi ha gli orecchini) 'U sacce hi che tenghe 'ncurpe !( Lo so io cosa ho in corpo) 'A ierva malamende ne more mä! ( L'erba cattiva non muore mai) Vä a cuccelä! ( Vai a vongole) Fä stä u munne come ce trove ( Lascia stare il mondo come si trova) Vine, maletempe e puzze de cäsce. ( Vino, maltempo e puzza di formaggio) N'ha fatte cchiù hisse che Boia Ladre. ( Ne ha fatte più lui che il Boia Ladro) Me rassemejje 'u cane de Don Pavele, prime appicce 'u fuche e pù scappe. (Mi assomigli al cane di Don Paolo, prima accende il fuoco e poi scappa) So' redutte a 'stu punde pecchè è sbajjàte i cunde. ( Sono ridotto a questo punto perché ho sbagliato i conti) [ Estrapolati dal libro di Carlo Cappella, “ Modi di dire termolesi- i Tavitte ( 1986) ]

Marianna Naclerio

Contatti

redazione@termolinotizie.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK